Progetti europei: come trovare un partner?

Uno dei requisiti base per partecipare ad un progetto europeo è la transnazionalità del consorzio proponente.

Ogni progetto di ricerca deve coinvolgere almeno due organizzazioni indipendenti di due paesi diversi, una rete di ricerca o di formazione invece necessita di almeno cinque organizzazioni di tre paesi diversi.

Naturalmente, non tutti hanno a disposizione un elenco di contatti utili al fine di coinvolgere dei parter stranieri che siano affidabili. A questo proposito, diversi strumenti sono stati attivati per fornire un supporto a chiunque cercasse dei partner stranieri nel proprio progetto.

In linea di massima è possibile fare due cose:
  • consultare i progetti provenienti da organismi di altri paesi europei che cerchino dei partner italiani;
  • caricare sulle piattaforme disponibili una bozza della propria idea progettuale e le varie caratteristiche ricercate in un partner straniero.
La piattaforma più accreditata per quanto riguarda queste operazioni di ricerca è sicuramente APRE (Agenzia Promozione Ricerca Europea). 
Al fine di aiutare le università, le imprese, gli enti di ricerca, le PMI e tutti gli organismi operanti nel campo della ricerca comunitaria a costituire le necessarie partnership europee per partecipare al Programma Quadro, l’APRE offre due servizi:
1.Un elenco di idee progettuali, classificate per programma tematico, provenienti da altri paesi europei a cui gli organismi italiani possono associarsi .

2. Una scheda on-line  a disposizione degli organismi italiani che cercano partner per un loro progetto di ricerca. La scheda compilata verrà poi diffusa dall’APRE attraverso la sua rete di contatti europei (National Contact Points, Innovation relay Centres, centri di ricerca ecc.).

La Commissione Europea infine, mette a disposizione il servizio ufficiale Cordis finalizzato anch’esso alla ricerca di un partner o comunque utile per  chi volesse proporti come partner.

Articolo scritto da

Chiara Molè

Nata e cresciuta a Vittoria, non mi sono spostata di molto nemmeno per frequentare l'Università, scegliendo il Consorzio Universitario Ibleo per conseguire la laurea in lingue nel corso di esperto linguistico per l'impresa. Nel 2010 ho cominciato a lavorare per una casa editrice e, dal 2013, mi occupo anche del monitoraggio di finanziamenti diretti rivolti alle imprese e alle PA.



Il profilo di Chiara Molè su Linkedin

Segnalazioni e Documenti

Nessuna Segnalazione o Documento correlato ancora!

Articoli correlati

1 Commento per “Progetti europei: come trovare un partner?”

Lascia un commento

(Non sarà pubblicata)
(compreso http://)


tre × = 3

Attenzione: Puoi usare solo questi tag html:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>